Germania: come trovare lavoro e relative tariffe

Ciao amici torno oggi a scrivere un articolo relativo al lavoro in Germania. Il lavoro in Germania non è tutto rose e fiori. In tanti pensano che in Germania sia facile trovar lavoro come se tutti i tedeschi stessero aspettando loro a braccia aperte. Dovete sapere che prima di trovare lavoro e poterne quindi usufruire, bisogna mettersi in regola con l’assicurazione sanitaria e la residenza. Quando iniziamo a cercare lavoro dobbiamo assolutamente saper parlare un minimo di tedesco o almeno conoscere l’inglese.

Ipotizziamo che siamo riusciti a entrare nel giro tedesco e che l’iscrizione all’A.I.R.E. e la tessera sanitaria siano state fatte. Quello che bisogna subito fare è registrarsi al sito https://jobboerse.arbeitsagentur.de/ dove potremo inserire il nostro curriculum-vitae e i propri dati al fine di cercare lavoro. Inserite dati reali dato che il login e password di accesso verranno spediti per posta al vostro indirizzo di residenza. Questo sito è pieno zeppo di annunci di lavoro messi online da agenzie interinali. Potrete scrivere tramite email all’agenzia (lo consiglio) oppure inviare la vostra candidatura tramite il sito. Normalmente dopo il primo contatto o la prima email inviata le agenzie convocano l’utente per un colloquio conoscitivo e effettiano la registrazione presso il proprio database. Avendo a disposizione tutti i dati e la possibilità di trattarli, le agenzie forniranno offerte di lavoro, in base al curriculum dell’utente in database. E’ una procedura che conosciamo benissimo anche in Italia e come in Italia anche in Germania le tariffe che loro propongono sono bassissime. Nonostante la tariffa base oriaria corrisponda a 9,23 euro, le agenzie ne approfittano facendo “buon viso a cattivo gioco”.

Questa situazione di tariffe bassissime dipendono da un gioco politico-economico che fanno le aziende e le agenzie. Tutte le aziende preferiscono assumere a contratti brevi di 1 o 2 mesi lavoratori aiutanti esterni (aushilfe o mitarbaiter). Lo fanno in primo luogo perchè così possono evitare di assumere a tempo indeterminato e poi per una questione economica.

Posso farvi capire meglio la situazione politico-economica, parlandovi dell’ultimo lavoro che ho avuto. Non la farò lunga. Ho lavorato per 1 anno e mezzo continuamente con contratti brevi. I contratti erano fatti per 1 settimana o 1 mese per volta. In 1 anno e mezzo non sono mai riuscito ad avere piè di 2 giorni consecutivi di ferie. Il trucchetto dell’azienda è quella di pagare le ferie a fine mese o a fine contratto. Così facendo evitano l’accumularsi delle ferie impedendo periodo di vacanza di settimane. Dopo 1 anno e mezzo di contratti brevi e premi produzione meritati, nel 60% dei casi, si fa pausa di qualche mese per poi ricominciare tutto daccapo. E’ un ottimo sottefugio per evitare di assumere un lavoratore a tempo indeterminato.

Una bella storia, mi ricorda un pò l’Italia. Ma su Youtube non si diceva che si riuscivano a guadagnare anche 2000,00 euro mensili puliti? E’ un’illusione, non ci credete. L’itegrazione è una formula teorica che spesso non è applicata. dimenticatevi di campare sulle spalle dello stato e cancellate l’idea di poter fare la gavetta e imparare un lavoro nuovo. In Germania quasi tutti i lavori per poterli fare devono essere corrisposti da un buon tedesco e da studi e pratica effettuati nella scuola. Ma gli stranieri? loro sono un caos apparte dato che hanno studiato nel proprio paese, quindi ci si deve affidare alle agenzie interinali. Tutto è un mordersi la coda.

Credo sia molto importante informarsi riguardo il lavoro, le tarifffe e le direttive ufficiali dettate dalla Germania. Per chi fosse interessato consiglio di leggere questi siti tedeschi. Ci faranno capire meglio come funziona il mondo e eviteremo di esser fregati dalle proposte economiche indecenti. Quando trovate iGZ- DGB – Tarifgemeinschaft significa chesi sta parlando di direttive imposte alle aziende, mentre quando trovate bZa/Dgb-Tarifgemeinschaft vuol dire che si sta parlando di agenzie interinali. Cercate querste diciture online e otterrete sicuramente le informazioni che vi servono.

Spero davvero di esservi dstato utile ancora una volta e se avete domande io ci sono sempre. Scrivetemi e risponderò prima possibile. Ciao.

Antonio Cesario

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento