Ringraziamento per il sostegno ai prigionieri politici di Burma

Condividi

Come saprete ormai da tempo sono un sostenitore della giustizia e aiuto molte associazioni umanitare con pubblicazioni. Oggi ricevo con molto piacere una email da www.burmacampaign.org.uk nella quale il responsabile per la corrispondenza della Birmaniami ringrazia per aver partecipato alla loro causa firmando una semplice email. Fa sempre piacere potersi sentire parte di qualcosa di giusto. Se anche voi come me credete in ciò che è giusto partecipate attivamente, le associazioni sono davvero tante, ma controllate prima quanto siano reali ed affidabili.
Riporto qui la situazione alla quale si sono ottenuti fortunatamente risultati positivi.

Tre attivisti per i diritti umani , sono stati arrestati nel mese di giugno , erano in sciopero della fame dal 13 dicembre  2013. Khin Mi Mi Khaing , Myint Myint Aye e Thant Zin Htet sono stati arrestati perchè sostenevano gli agricoltori in protesta contro la confisca delle terre proprie terre. Sono stati processati per più di sei mesi. Gli è stata rifiutata la possibilità di cauzione. Hanno affrontato più di 20 udienze senza un adeguato processo ottenendone comunque un verdetto. Sono andati in sciopero della fame per protestare contro il loro trattamento da parte del sistema giudiziario della Birmania . Khin Mi Mi Khaing e Myint Myint Aye sono leader di due reti di donne indipendenti in Birmania , e Thant Zin Htet è uno studente attivista . Nel mese di giugno , hanno visitato il villaggio Pae Ma Khan in Bago Division per mostrare il loro sostegno agli agricoltori che hanno perso la loro terra. L’esercito birmano aveva confiscato le loro terre quasi vent’anni fa. Sono stati arrestati e accusati ai sensi dell’articolo 6 della legge 1988 relativo alla formazione di organizzazioni , e Thant Zin Htet è stato anche accusato ai sensi dell’articolo 18 ( b) , legge sulla riunione pacifica . Sono stati detenuti nel carcere di  Paung De. Trattato come detenuto generico Thant Zin Htet è stato costretto ad indossare manette e catene di ferro. Il governo sostenuto dai militare tratta ancora gli attivisti senza alcun rispetto e con processi lunghi in modo da intimidire gli attivisti al solo scopo di fermare la campagna per la democrazia ei diritti umani nel paese .  I prigionieri politici abbandonati dalla comunità internazionale sono stati costretti ad affrontare lo sciopero della fame . Questi attivisti non avevano commesso alcun reato, nonostante tutto sono stati processati.

Oggi la bella notizia, ma c’è ancora tanto da sostenere. Ecco l’email di ringraziamento che ho ricevuto.

Sig. Antonio Cesario la ringraziamo per la sua e-mail al Ministro degli Swire sui prigionieri politici in Birmania.  Sono il funzionario responsabile per la corrispondenza sulla Birmania .
Centinaia di prigionieri politici sono stati rilasciati dal 2011 e sono finalmente stati reinseriti nella società. Abbiamo accolto con favore l’ultima email del 15 novembre 2013 riguardante i 69 prigionieri politici . Questi sono passi passi da gigante verso la conquista del rispetto. Il  Presidente birmano Thein Sein è stato impressionato durante sulla sua visita a Londra nel luglio 2013 e si è assunto l’impegno di rilasciare tutti i prigionieri entro la fine di quest’anno. Posso assicurarle che continueremo a contattare attivamente tutti i membri di alto livello del governo birmano, al fine di garantire a tutti gli attivisti democratici, di esprimere le proprie opinioni liberamente e senza timore di lessere arrestati. Ci sono ancora molte leggi repressive in Birmania e numerosi arresti di attivisti politici ormai dal 2011. Recentemente il ministro Swire ha esposto i problemi al Ministro dell’Ufficio del Presidente. Il ministro Swire ha dichiarato che non sono ammissibili ulteriori arresti e tanto meno nuovi arresti di attivisti politici già arrestati precedentemente.
L’Associazione di assistenza ai prigionieri politici (Birmania) stima che ci sono ancora circa 60 i prigionieri politici. I funzionari dell’ambasciata a Rangoon rimangono in contatto con le associazioni birmane locali. Noi continueremo a fare pressione sul governo birmano di Ensure in modo da creare un sistema di revisione completo e trasparente che possa portare alla liberazione di tutti i prigionieri politici . Siamo a conoscenza che le sfide da affrontare in Birmania sono tantissime e non ci illudiamo. Noi monitoreremo comunque gli impegni presi dal presidente birmano in modo che continui ad impegnarsi sostenendo e incoraggiando il cambiamento costituzionale e la crescita del sistema giudiziario indipendente ed efficace , compresa la riforma delle forze di polizia.

Grazie ancora per il suo supporto nell’evidenziare le questioni riguardanti diritti umani in Birmania.

Dipartimento ASEAN

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento