Il mio punto di vista sulla morte

Quando qualcosa “muore” non muore davvero ma si trasforma. Come disse il ricercatore e scienziato Albert Einstein, « Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. ». Un batterio, una molecola, una cellula…evoluzioni, mutazioni. Il naturale ed inevitabile processo di trasformazione ci regala ogni giorno qualcosa da poter vivere. Che sia pietra, pianta, terra, persona, animale, tutto possiede una evoluzione perchè in vita nonostante le apparenze. Sulla base di questa idea possiamo ben capire che niente ha fine e tutto ha vita eterna grazie al continuo mutamento. Oggi siamo persone o animali, domani saremo energia che andrà ad unirsi ad altra energia. Questa energia si arricchisce acquisendo un’identità sempre nuova fino a che non trova il proprio stato di quiete materializzandosi in qualcosa che la nostra percezione può percepire. La vita eterna esiste, peccato solo che non sia percepita dalla nostra coscienza.

Antonio Cesario

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento